Stanziamento di 600 milioni di euro e interventi Bonus non guardano lontano

welfare_large

02/11/2016 | Welfare.

«Prendiamo atto che l’attuale manovra finanziaria prevede un maggiore stanziamento delle risorse a favore della famiglia e per il sostegno della natalità. Tuttavia, si tratta di un impianto di investimenti ancora fragile e inadeguato». È il commento della Segretaria Confederale UIL Silvana Roseto in merito alle misure per la famiglia contenute nel testo della Legge di Bilancio 2017.

«Crediamo che un incisivo intervento debba necessariamente superare la logica meramente assistenzialistica attraverso il semplice trasferimento monetario, a favore, invece, di misure organiche, pensate a lungo termine, messe a sistema e che vedano il coinvolgimento attivo delle stesse famiglie, in un’ottica inclusiva e di valorizzazione delle potenzialità di partecipazione ai percorsi predisposti.

Non possono bastare i soli «BONUS», che tra l’altro risultano essere comunque insufficienti per far fronte alle reali spese che una famiglia sostiene, ma vi è l’esigenza di mettere in campo una pluralità di ulteriori servizi, tra cui più asili nido prevedendone la gratuità, a sostegno della conciliazione tra tempi di vita e lavoro.

Chiediamo un serio impegno – conclude la Segretaria Confederale – a favore di queste politiche: le politiche della famiglia non sono solo un costo da inserire nelle voci di bilancio, ma rappresentano una risorsa strategica per lo sviluppo dell’intera società».

2 novembre 2016

UIL Frosinone

(*Fonti:
www.uil.it)

Share

About Author

Alessandro

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.