NEWS Top News UIL CSP FROSINONE — 14 Aprile 2016

barbagallo120416

12/04/2016 | Sindacato.

Una grande partecipazione di delegate e delegati ha caratterizzato l’attivo di Cgil, Cisl, Uil della Lombardia, convocato per discutere sulla proposta unitaria di un moderno sistema di relazioni industriali e di un nuovo modello contrattuale.

«Oggi – ha detto Barbagallo nel suo intervento – la contrattazione di secondo livello si fa solo nel 20% delle imprese: se non la agevoliamo e se non la facciamo anche di settore, di filiera e territoriale non riusciremo ad estenderla, così come vogliamo e chiediamo con il nostro modello. Il livello nazionale, magari più snello e flessibile, resta però indispensabile, altrimenti l’80% dei lavoratori rischia di non avere aumenti salariali e di non partecipare al progresso economico del Paese. Ecco perché le aziende che producono per il mercato interno chiudono i battenti e la crisi occupazionale non si risolve. La crescita ancora non c’è: noi siamo disponibili a contribuire alla ripresa dell’economia e dell’occupazione. E l’economia si riprende restituendo potere d’acquisto ai lavoratori con i contratti e adeguando le pensioni. Questo governo è all’inglese: ha la circolazione a sinistra, ma la guida a destra. Si occupi, piuttosto, di rinnovare i contratti del pubblico impiego fermo da sette anni, ormai. Ora non c’è neanche più l’alibi dei comparti: sono stati ridefiniti e noi siamo pronti a fare il contratto in 48 ore».

Barbagallo, poi, è intervenuto anche su altri argomenti all’ordine del giorno e, a proposito di pensioni, ha ribadito che “se la devono pagare i pensionati e i lavoratori, la flessibilità in uscita verso il pensionamento non serve: siamo contrari – ha detto – all’idea del Robin Hood geneticamente modificato, che toglie ai poveri per dare ai poveri”.

Un cenno, infine, anche al referendum sulle trivelle: “Questa consultazione – ha detto il leader della Uil – rischia di essere inutile. Non ci può essere alternativa tra lavoro, sicurezza e ambiente: bisogna coniugare questi aspetti. Le royalties dovrebbero servire per risolvere i problemi ambientali e di sicurezza”.


12 aprile 2016

Uil Frosinone

(*Fonti:
www.uil.it)

Share

About Author

Alessandro

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.