Serve piano strutturale per povertà

poverta30/09/2015 | Sindacato.

Partire dalla povertà infantile ed educativa è indispensabile, ma occorre considerare anche l’ambiente sociale in cui i bambini crescono e, dunque, la proposta del Governo ci sembra ancora insufficiente e in ritardo rispetto all’agenda europea. Occorre un piano nazionale di contrasto alla povertà assoluta.

È abbastanza ovvio quanto il Presidente del Consiglio sostiene, ossia che la povertà si contrasta con la crescita, ma il perimetro del disagio estremo ha bisogno di misure ad hoc perché l’esclusione divenga dignità e libertà per i cittadini e sviluppo per il Paese.

Si inserisca nella Legge di Stabilità un intervento non assistenzialistico ma di natura pro-attiva che sostenga e incoraggi all’inclusione sociale i cittadini che versano in condizione di maggiore sofferenza.


30 settembre 2015

Uil Frosinone

(*Fonti:
www.uil.it)

Share

About Author

Alessandro

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.