NEWS Top News UIL CSP FROSINONE — 18 Ottobre 2016

«Renzi ha detto che dopo l’accordo con i sindacati su pensioni ha dovuto prendere un antibiotico»

barbagallo_convegno_anci

14/10/2016 | Sindacato.

«La ricerca della felicità»: un titolo carico di suggestioni, per un’impegnativa tavola rotonda organizzata dall’ Anci, a Bari, in occasione della 33esima assemblea annuale. Invitato a partecipare, il Segretario generale della Uil, Carmelo Barbagallo, non si è voluto sottrarre a un confronto con alcuni sindaci e altri ospiti che hanno animato la discussione su un argomento così complesso.

E lo ha fatto, rilanciando un tema tipico del mondo del lavoro: “La felicità, come lo sviluppo – ha detto il leader della Uil – risiedono spesso nel benessere lavorativo: investire su questo fattore può produrre anche effetti positivi dal punto di vista economico. È stato dimostrato che nelle cosiddette fabbriche “belle”, quelle a misura d’uomo e di donna, la produttività e l’efficienza possono aumentare anche fino al 40%, con vantaggi evidenti per tutti. Il deficit di produttività di cui soffre il Paese – ha concluso Barbagallo – va colmato accettando la sfida a discutere un sistema produttivo nuovo. E su questo, siamo chiamati a misurarci”.

La giornata organizzata dall’Anci ha avuto il suo attesissimo epilogo con l’intervento del Presidente del Consiglio, Matteo Renzi. Il premier, che si è intrattenuto a parlare qualche minuto con Barbagallo, dal palco, ha poi fatto uno scherzoso riferimento anche alla recente intesa sulle pensioni.

“Renzi ha detto di non essere abituato agli accordi con il Sindacato – ha riferito il leader della Uil – e perciò, dopo quello sulle pensioni, ha dovuto prendere un antibiotico! Io gli ho chiesto di mantenere gli impegni assunti con noi sulla previdenza e di provvedere alle risorse necessarie per il rinnovo del contratto del pubblico impiego”.

13 ottobre 2016

Uil Frosinone

(*Fonti:
www.uil.it)

Share

About Author

Alessandro

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.