NEWS Top News UIL CSP FROSINONE — 22 Dicembre 2015

legge-di-stabilit---20161

La Camera ha dato il via libera nella notte alla Legge di Stabilità.

I voti a favore sono stati 297, quelli contrari 97. La manovra lunedì tornerà al Senato in terza lettura per essere approvata in via definitiva prima di Natale.

Il provvedimento è arrivato a 35,4 miliardi, con gli interventi per sicurezza e cultura dopo gli attentati di Parigi.
Cancellata la Tasi sulla prima-casa per un valore di 3,7 miliardi; gli sgravi per le assunzioni; il super-ammortamento sugli investimenti delle imprese.

Scompare dalla manovra il ventilato calo dell’Ires, l’imposta sui redditi delle società, già nel 2016.
Fra le ultime modifiche introdotte, la “carta famiglia” per chi ha almeno tre figli minori, per ottenere sconti su servizi privati e pubblici.
Montecitorio ha votato all’unanimità per l’esclusione della spiaggia di Suburra e per un emendamento che impone al Governo una relazione prima della privatizzazione delle Fs sull’impatto economico e occupazionale della dismissione.

Un emendamento presentato dalla leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, ha impegnato i lavori per un’ora: puntava ad escludere dai calcoli dell’Isee le pensioni di invalidità e le indennità di accompagnamento. Valeva 3 milioni. Quando il deputato Pd, Marco Causi, ha spiegato che con il nuovo Isee aumentano i benefici per le famiglie con disabili, è iniziato il teatrino dell’indignazione ed i deputati del M5s gli hanno ricordato che era stato ritirato, dopo una dura battaglia, l’emendamento che dava un milione alla fondazione “Roma-Europa” gestita dalla moglie dello stesso Causi. Alla replica di Gennaro Migliore (Pd) sono spuntati cartelli e la Boldrini, che presiedeva, ha minacciato di sospendere la seduta. L’emendamento è poi stato bocciato a grande maggioranza.

La manovra va ora al Senato per la terza lettura.

22 dicembre 2016

Silvia Morini

Uil Frosinone

(*Fonti:
Sky Tg24)

Share

About Author

Alessandro

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.