ufficio_stampa_uil22/05/2015 | Economia.  

Le considerazioni del Presidente della BCE a proposito dei due livelli di contrattazione ci lasciano perplessi. La Uil ha definito una proposta di riforma del sistema contrattuale che prevede un sostanziale necessario rafforzamento della contrattazione aziendale e che valorizza la flessibilità insita in questo livello contrattuale, ma non esclude la contrattazione nazionale come riferimento comune a tutti i lavoratori di ogni singola categoria.

Questo, infatti, è l’unico modo per assicurare tutele economiche e normative di base a tutti quei lavoratori – e sono la gran maggioranza – che non riescono a fare contrattazione aziendale, anche a causa delle piccole dimensioni della loro azienda. Peraltro, il nostro sistema produttivo è strutturalmente costituito, soprattutto, da piccole e piccolissime aziende. Insomma, i due livelli non sono e non possono essere in alternativa né in contrapposizione tra loro.

Il punto, però, è un altro. Ciò che qualifica la nostra proposta di riforma è il collegamento della contrattazione ai parametri di crescita dell’economia e, segnatamente, al PIL e non più all’inflazione. Noi vogliamo scommettere sulla crescita e siamo convinti che il nuovo modello contrattuale debba contribuire a raggiungere questo obiettivo. Non è più tempo di stare sulla difensiva, ma occorre fare uno scatto in avanti verso lo sviluppo: con una nuova strategia contrattuale, sindacati e lavoratori vogliono essere partecipi di questo impegno comune per il rilancio dell’economia del Paese. Il 2015, dunque, sia l’anno dei contratti per rinnovare, subito, quelli in scadenza o scaduti da anni, nel pubblico e nel privato, e per avviare, contemporaneamente, la discussione tra le parti sulla riforma contrattuale.

22 maggio 2015

Uil Frosinone

(*Fonti:
www.uil.it)

Share

About Author

Alessandro

(0) Readers Comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.